Pubblicità

giovedì 1 dicembre 2011

Lo Zenzero

La pianta dello zenzero, nome scientifico Zingiber officinalis, ha origini asiatiche ed appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae; la parte che viene utilizzata, sia a scopo alimentare che a scopo curativo per la salute dell'organismo umano, è la radice, dal sapore particolarmente piccante e amaro.

Le proprietà ed i benefici dello zenzero erano già noti alle popolazioni dell'antichità; attualmente in India e Cina lo zenzero viene utilizzato prevalentemente per insaporire cibi, soprattutto a base di carne. In occidente invece, la polvere di radice di zenzero viene venduta come medicinale nelle farmacie sotto forma di capsule.

Nella cultura araba invece, a questa radice vengono attribuite proprietà afrodisiache, mentre in Africa lo si utilizza come rimedio contro le punture delle zanzare; tuttavia lo zenzero è divenuto famoso in tutto il mondo grazie all'uso che se ne fa in cucina.

Gli usi della pianta di zenzero a scopo terapeutico sono molteplici: da lungo tempo si conoscono le sue proprietà per combattere gli stati di nausea e di vomito; il tè ottenuto da questa pianta è invece in grado di prevenire e curare il raffreddore; oltre a rilasciare un effetto di calore e benessere lo zenzero è anche in grado di sciogliere il muco nelle vie respiratorie e a liberare i reni, facilitando così la respirazione.

E' proprio contro le malattie da raffreddamento, che lo zenzero si rivela davvero efficace: oltre a conferire immediatamente sensazione di calore e benessere prolungato, riesce a sciogliere il muco nelle vie aeree, a liberare i bronchi, facilita la respirazione, limitando la sgradevole sensazione di oppressione e costrizione, tipica dei malesseri da raffreddamento.

Ancora, si rivela davvero utile nei casi di asma allergica, tosse con catarro, rinite ed ostruzione nasale.

Inoltre, è utilissimo rimedio per contrastare la spiacevole sensazione di brivido e freddo nelle ossa, che spesso ci assale a sera, per alleviare cefalea e malessere dovuti ad influenza ed i vari dolori osteo-articolari, connessi alle sindromi da raffreddamento.

Per dire stop al raffreddore. Provate a grattugiare un po’ di zenzero nella vostra minestra bollente, o nelle vostre tisane giornaliere: il freddo ed il senso di costrizione scomparirà nel giro di un paio di giorni.

Contro gli stati influenzali. Se accusate dolori alle ossa, brividi frequenti, mal di testa e tosse persistente, provate 3-4 fette di zenzero lasciate in infusione, per circa 10 minuti, in mezzo litro di acqua bollente.
Per un effetto tonificante, che vi libererà dal senso di malessere dell’influenza, aggiungete due cucchiaini di miele caldo; vi sentirete immersi da una piacevole e confortante ondata di caldo, che vi farà riprendere assai velocemente dallo stato di debolezza ed affaticamento generale.

Laringiti, tosse e prurito alla gola. Potete scegliere di bere ogni giorno un bicchiere di succo fresco di zenzero, oppure sciogliere 20 gr di polvere secca in una tisana bollente giornaliera.

In cucina lo zenzero viene usato non solo per insaporire le pietanze, ma anche per renderle più digeribili dal nostro organismo; studi recenti condotti dalla Georgia State University hanno dimostrato che l'assunzione di zenzero è in grado di apportare benefici ai dolori muscolari derivanti da attività sportiva o lavorativa. Non solo, pare che questi benefici lenitivi del dolore si estendano anche all'apparato digerente.
Molti dei suoi effetti benefici sono attribuibili al gingerolo, l'olio essenziale derivato dalla radice.
Altri benefici secondari: stimola la sudorazione, contrasta la tosse, facilita l'espulsione di scorie dall'organismo, e aiuta a mantenere la temperatura del corpo costante.
La radice fresca può essere riposta in un sacchetto di carta ad uso alimentare e messa in frigorifero; in questo modo può essere conservata per diverse settimane. Quello secco o in polvere deve invece essere conservato in un contenitore a chiusura ermetica e possibilmente in un luogo buio e fresco.

Le calorie fornite da 100 grammi di parte edibile sono pari a 80.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento